Andrà tutto bene

Le relazioni sono parte integrante e fondamentale della nostra vita. Sono ciò che ci sostiene e che ci fa sentire vivi. Che si tratti del bacio della buonanotte ad un figlio, dell’abbraccio di un amico che non vediamo da tempo, del tenere per mano un nostro parente o un genitore, del sedersi accanto ad un collega a pranzo, o del semplice sorriso di uno sconosciuto incrociato per caso… Tutte queste connessioni fanno parte della nostra vita, nutrono la nostra anima e ci aiutano ad andare avanti nei momenti difficili.

Continua a leggere

Chi ben comincia… Ricama & vince!✂️📐🧷📍🧵

Carissimi appassionati di quilt, patchwork, ricamo e cucito creativo: Buon Anno da parte di tutto il Team Aurifil e ben ritrovati sul nostro blog!

Cambio di decade, ingresso nei nuovi anni Venti. Questo periodo ha tutti i numeri e le carte in regola per lasciare il segno ed essere ricordato. Avrete fatto tanti bilanci e stilato la vostra lista di buoni propositi, confessabili o meno.

Continua a leggere

I Ricami Diversi di Daria Blandina ✂️📐🧷📍🧵

Ben ritrovati amici makers, quilters e creativi di tutta Italia! Come procede la vostra produzione di pensieri di Natale rigorosamente fatti a mano da voi? Siamo certi che siate a buon punto e vi stiate impegnando come dei piccoli elfi per accontentare tutti i vostri cari.

Oggi concedetevi una pausa tra una cucitura e l’altra, vogliamo parlarvi di cose belle. Siete ancora “indietro”? Abbiamo perfino un asso nella manica per alleggerirvi il lavoro.

R i l a s s a t e v i e continuate a leggere per scoprire insieme a noi un nuovo, divertente modo di fare ricamo.

Continua a leggere

Punti… Che graffiano! 😻😽😺😸

Ben ritrovati! E’ per noi un piacere ospitare oggi sul nostro blog una giovanissima maker: Gwen Sheppard. “Figlia d’arte” – sua mamma è la designer Wendy Sheppard / Ivory Spring – ed appassionata di ricamo a mano, questa ragazzina ci mostrerà alcuni dei progetti da lei realizzati. Non è mai troppo presto (nè tardi, ndr.) per cominciare a dilettarsi con ago e filo!

Continua a leggere

Baltimora… E non solo!

Concludiamo la nostra chiacchierata vis-à-vis con Maria Rosaria Nola Bonaccorsi, soffermandoci anche sulla sua esperienza con i nostri filati. Qualora vi foste persi le “puntate precedenti”, ecco i link diretti per una rapida consultazione. Buona lettura!

Intervista con M.R.N.B. – Parte 1 | Parte 2.

Continua a leggere

Il ritorno di Lorraine | 2 nuovi workshop

I suoi meravigliosi masterpiece d’arte tessile hanno rubato il cuore di migliaia di appassionati in tutto il mondo. Abbiamo avuto l’onore di conoscerla di persona ed il piacere di averla qui con noi lo scorso anno per apprendere la sua innovativa tecnica del fabric collage e cimentarci nell’esecuzione di alcuni soggetti ad essa ispirati. Ci siamo lasciati con la promessa di rivederci presto per continuare a creare insieme con ago, filo – il nostro, Aurifil! – tessuti ed elementi decorativi vari.

Siamo pertanto lieti di annunciarvi che Lorraine Turner – artista tessile, designer, illustratrice ed autrice pluripremiata – tornerà in Italia nel mese di maggio per 2 nuovi workshop nelle città di Perugia e Roma.

Continua a leggere

Finalmente ci si vede!

In un battito di ciglia è già trascorsa la prima metà di gennaio e, anche se con un po’ di ritardo, vogliamo farvi i nostri più calorosi auguri per un Felice Anno Nuovo!

E dopo questa piacevole parentesi, siamo pronti a ripartire a tutto patchwork (e non solo!) in compagnia di una donna che si è particolarmente distinta nel panorama italiano negli ultimi 20 anni per il suo impegno in prima persona a diffondere la passione per il patchwork, facendo conoscere la sua città – Rossano Calabro – e portandovi i maggiori esponenti nazionali di quest’arte.

Non da ultimo, è probabile che molti di voi abbiano nel proprio repertorio una o più delle sue recenti pubblicazioni in collaborazione con la casa editrice Corrado Tedeschi.

Avete capito di chi si tratta? Diamo il benvenuto sul nostro blog a Maria Rosaria Nola Bonaccorsi!

M.R. è psicopedagogista ed insegnante di scuola primaria, quilter ed autrice. Cresce guardando i mitici film western e La Casa nella Prateria, serie tv degli Anni Ottanta e Novanta che narra le difficoltose vicissitudini di una tradizionale famiglia americana della seconda metà del 1800 in un paesino sperduto del Minnesota. Grazie a queste pellicole scopre il culto per il patchwork ed il lavoro manuale e ne rimane profondamente affascinata.

Il suo primissimo quilt sarà un log cabin con un quadratino rosso centrale volto proprio a rappresentare il calore del focolare domestico. Da allora, in ogni suo lavoro sarà sempre presente almeno un dettaglio di questo colore.

img-20190121-wa0001

Il Log Cabin di M.R. in bella mostra sul letto della sua camera matrimoniale.

Il patchwork tradizionale va ben oltre il semplice accostamento di stoffe che scaturisce in una composizione esteticamente bella. Ogni blocco o figura – sia esso una stella, un log cabin, o un cd. passo dell’ubriaco – ha un nome che lo riconduce ad una storia. L’essenza stessa del patchwork è la storia, il raccontare qualcosa. E’ una dimensione tessile ricca di simbologia da comprendere e da approfondire, su cui M.R. non è mai stanca di documentarsi cercando cenni storici nel passato, soprattutto nella letteratura (ad esempio, nei romanzi).

Conoscere, amare, praticare ed insegnare il patchwork ha significato per me l’ingresso in un mondo nuovo, coloratissimo e fatto di preziosi incontri. Molti di questi si sono spontaneamente evoluti in vere e profonde amicizie. Ho collaborato e contribuito all’organizzazione di diversi eventi e mostre dal 2005 al 2017. Ad esempio, mi piace ricordare l’evento rossanese della Settimana del patchwork – che consisteva in una felice combinazione di concorso, mostra e corsi al quale intervenivano le principali personalità esponenti del patchwork italiano. Sono stata per molti anni Delegata regionale della Calabria per Quilt Italia e, anche in virtù di questo ruolo, ho tessuto una fitta rete di conoscenze interessanti e stimolanti.

Il patchwork è una vera e propria passione, che ama anche trasmettere a grandi e piccoli, facendo della seguente filosofia il proprio credo:

Chi è nato con dei talenti ha il dovere morale di coltivarli e di metterli al servizio degli altri.

img-20190121-wa0002

La Rosa dei Venti realizzata da M.R. per il figlio Marco, in occasione dell’inizio del suo percorso universitario.

 

Tenete gli occhi puntati sul nostro blog e sulla nostra Pagina Facebook nei prossimi giorni per scoprire di più sulla nostra prima ospite dell’anno. Sveleremo presto anche una bella sorpresa!

*************************

Per approfondire la conoscenza con Maria Rosaria Nola Bonaccorsi:

FacebookPagina FB  |  Blog  |  Instagram  |  Pubblicazioni

 

L’hobby del Ricamo a mano

Questo 2018 è stato senza ombra di dubbio un anno all’insegna del Made in Italy e della riscoperta della manualità creativa. Abbiamo avuto il piacere di trascorrere del tempo con diversi artisti e makers e condividere il loro talento e le loro passioni.

Una delle persone straordinarie che abbiamo avuto l’onore di incontrare e conoscere è senza ombra di dubbio Emma Fassio, che ci ha affascinati con la sua semplicità, genuinità e dolcezza.

Emma è a dir poco un vulcano di idee, una fonte inesauribile di energia positiva e spunti. Ed è una donna curiosa, che ama approfondire ciò che le interessa, con particolare attenzione anche ai materiali e ai processi produttivi.

Oggi siamo noi ad avere l’onore di essere intervistati da lei e a parlare di ricamo a mano, hobby altamente soddisfacente e rilassante che chiunque può iniziare a coltivare in qualsiasi momento.  Leggi l’intervista QUI.

 

Per approfondire la conoscenza con Emma:

FB | Twitter | instagram | Blog | Negozio Ravelry

*****************************************

Potrebbero interessarti anche:

I Libri di Emma

Tutorial gratuiti

Punti Vendita Aurifil in Italia

Scrapbooking con Aurifil!

Ben ritrovati! Oggi abbiamo il piacere di presentarvi una terza maker del torinese che, siamo certi, apprezzerete moltissimo per le sue creazioni che combinano, con l’uso di diverse tecniche e materiali, semplicità e buongusto. Un perfetto connubio!

Ciao Silvia, benvenuta sul nostro blog! Qualche mese fa abbiamo avuto il piacere di conoscere tua madre Elena Caliri e condividere con il nostro pubblico i suoi bijoux in pizzo e i libri sensoriali per bambini. Sappiamo che anche tu hai una passione innata per l’handmade, il cucito creativo e lo scrapbooking. Ti cediamo subito la parola per una breve presentazione.

Ciao a tutti! Sono Silvia, una ragazza di 34 anni e mamma di Manuel, un bimbo di 7.

Come mia madre, sono molto appassionata di craft e di tutto ciò che è “fatto a mano”. L’handmade ci dà la possibilità di personalizzare ogni oggetto in modo diverso comunicando emozioni, sia a noi stessi sia a chi riceve la nostra creazione. Siete d’accordo?!

Assolutamente sì. Cos’è lo scrapbooking e come ci sei arrivata?

Lo scrapbooking è un mondo fatto soprattutto di carta e cartoncino, ma non solo. Pannolenci, nastri, filo e decorazioni di tutti i tipi, perfino commestibili (confetti e bon bons, se ad esempio pensate a delle bomboniere). Questa meravigliosa varietà di materiali permette innanzitutto di conservare al meglio i propri ricordi, ma anche di esprimere oltre ogni limite la propria creatività.

Io l’ho scoperto quasi per caso. A partire da una foto di una card vista su web mi è venuta voglia di mettermi in gioco ed ho iniziato a creare a mia volta card e segnalibri per la mia famiglia, amici e conoscenti utilizzando i plotter che già avevo in casa, timbri e fustellatrici.

Quali sono gli stili e le tecniche che personalmente preferisci?

Per quanto l’utilizzo di stampante e plotter sia molto più immediato e velocizzi il lavoro, personalmente prediligo lavorare con i timbri che posso colorare ogni volta in modo diverso, abbinandoli al resto del progetto. Di recente ho scoperto anche una nuova ed originale tecnica, che avrò il piacere di svelarvi tra poco.

… Vi ho un pochino incuriositi?!

Che cosa ti ispira di più nel tuo lavoro?

Questo lavoro oltre a personalizzare le mie creazioni mi dà molta carica e positività e mi permette di esternare le mie emozioni. Nonostante mi capiti di replicare gli stessi soggetti, vi assicuro che ogni volta vivo emozioni diverse, non per questo meno profonde. Anzi.

In questi anni di attività hai realizzato centinaia di progetti!

Ovviamente! In diversi anni in cui svolgo questo lavoro ho realizzato creazioni handmade che in qualche modo mi sono rimaste impresse nel cuore. Tra queste, di sicuro il pensiero (fatto al 100% da me) per le maestre ed i piccoli amici di Manuel per la fine della scuola, per salutarci ed augurarci buone vacanze. Ho deciso di regalare ai compagni di classe dei porta-leccalecca a forma di granchietto fatti con il plotter. Un pensiero dolce per loro, racchiuso in un soggetto che richiamasse l’estate! Per ciascuna maestra, invece, ho stampato con il plotter l’aforisma “nessun bambino è perduto se ha un insegnante che crede in lui” e l’ho incorniciato in un portafoto in pannolenci impreziosito con un fiocchetto ed un fiorellino. Un ringraziamento sincero per il lavoro svolto durante tutto l’anno.

34755268_414163058989425_6344635670878748672_n

Dall’alto verso il basso: Cornici in pannolenci abbellite con fiocco e fiore. All’interno, aforisma stampato con plotter. Granchietti porta-leccalecca in pannolenci, cuciti a mano con floss Aurifil.

 

Un altro progetto che ho adorato creare è stata una card completamente ricamata a mano a punto croce per celebrare una delle gioie più belle della vita, la nascita di un bimbo!

35281182_417257518679979_7372327396696915968_n

Card nascita bimbo, completamente ricamata a mano con Aurifloss e Cotone Mako 12 Aurifil

 

 Come hai conosciuto i filati Aurifil e quali tipologie utilizzi di più?

Come mia mamma, sono nel settore del ricamo e del cucito a macchina da diversi anni. Grazie alla sua passione ho potuto testare a mia volta diversi filati. Ultimamente ho conosciuto Aurifil! Appena ho preso in mano queste sfiziosissime spole colorate mi è venuta voglia di metterle alla prova per usi diversi, dal cucito creativo (creazione di peluches e portachiavi), al punto croce su card in cartoncino.

 

 

Amando l’handmade più artigianale, ho lavorato particolarmente con il Floss (del quale abbiamo ampiamente parlato in questo post, ndr.) e la Lana.

 

31655401_398895193849545_5221755211944558592_n

Scatolina porta-regalo decorata con farfalla e fiocchetto in Lana

 

 Seguendoti da vicino abbiamo notato degli impieghi insoliti… Creativi e un po’ audaci! Punto croce su card?

Sapete, da ragazzina avevo tentato diverse volte di imparare a ricamare a punto croce, non riuscendo però a portare mai avanti questo tipo di tecnica. Avevo ripreso quando ero in dolce attesa di mio figlio, ho confezionato alcune cosine sfiziose per lui… Ma poi ho nuovamente abbandonato. Dopo aver scoperto il floss Aurifil (comodamente avvolto su spoline di legno! Un lusso, non dover districare i nodi che si creano con le classiche matassine…) mi è venuta voglia di riprendere l’ago in mano. Il filato è molto resistente, i colori brillanti, vivaci, è puro cotone di alta qualità e si può utilizzare pertanto in vari modi. Ad esempio, non su supporto di tela Aida, ma su carta e cartoncino! Un abbinamento fuori dal comune, molto originale e bello. Ebbene sì, ricamare a punto croce sulla carta è fattibilissimo e divertente.

 

In alternativa al Floss, si può utilizzare 1 filo unico di Cotone Mako Titolo 12 o Lana Aurifil.

 

Sappiamo che hai anche una piccola sorpresa per i nostri lettori… Di che si tratta?

Certo! Ho pensato che fosse carino da parte mia condividere con qualcuno che non conosco un pensiero, facendogli vedere e (perché no?!) provare la versatilità dei vostri filati.

Ecco un piccolo biglietto con soggetto floreale realizzato con le mie mani, che un fortunato  di voi riceverà direttamente a casa assieme ad un campione omaggio di floss! Per partecipare alla sua assegnazione, seguite questi semplicissimi passaggi:

  • mettete “mi piace” a questo blog post (cliccando la stellina qui sotto);
  • lasciate un commento raccontandoci qual è l’ultimo soggetto che avete ricamato.

{Il giveaway sarà aperto fino alle ore 23.59 di Giovedì 6 Settembre 2018. Venerdì 7 Settembre annunceremo il nome del vincitore via Facebook. Il pacchetto omaggio sarà inviato tramite Corriere entro i successivi 10 gg lavorativi.}

37348114_10217182130613766_6009293295946039296_n

Una piccola sorpresa offerta da Silvia… In bocca al lupo!

… Ma non è finita qui!

Occhi puntati sulla pagina facebook  Quilticchiando, dove Lunedì 3 Settembre seguirà una seconda, sfiziosa sorpresa che adorerete!

 


Per approfondire la conoscenza con Silvia Ottolini, vi invitiamo inoltre a dare uno sguardo a tutte le sue pagine social: Facebook  –  Instagram –  Twitter  –  Blog.

 

FREE tutorial | Cartolina Tessile

Ben ritrovati! Oggi, con l’aiuto dell’artista polacca Karolina Bąkowska, abbiamo il piacere di mostrarvi da vicino i vari passaggi necessari alla creazione di una cartolina tessile che ha per protagonista un frutto dai colori decisamente vividi e forti – il melograno!

Seguite attentamente questo tutorial step by step, e non ve ne pentirete: creare un soggetto di questo genere è molto più facile (e, non da ultimo, divertente!) di quanto pensiate.

_________________________________________________________________

Innanzitutto, preparate un pezzo di tessuto in cotone bianco ed un pezzo di imbottitura in cotone, entrambi leggermente più grandi rispetto alla dimensione effettiva della cartolina (che è di 10 x 15cm, o 4 x 6″). Io mi sono creata un template per velocizzare questo passaggio, è di grande aiuto. Si tratta di una semplicissima cornice in cartone rigido, formato cartolina.

B-craft-tut-1824

Base in tessuto + batting + template per la creazione della cartolina.

Preparate quindi alcuni ritagli di tessuti di colori che meglio rappresentano il soggetto in questione ed iniziate ad abbinare ad essi opportuni filati. Io personalmente scelgo il Cotone Mako Aurifil!

B-craft-tut-1870

La scelta dei tessuti e dei filati che meglio si abbinano ad essi.

A questo punto, possiamo iniziare a costruire il nostro soggetto utilizzando i ritagli. Posizionateli sullo strato di imbottitura e create l’immagine del frutto. In questo passaggio potete anche aiutarvi con della colla o del termoadesivo per fissarli meglio (io non lo faccio, ma è una questione di scelta personale). Per tenere meglio assieme il tutto, date una passata di ferro da stiro caldo all’intera composizione.

B-craft-tut-1825

La creazione del soggetto mediante posizionamento dei ritagli.

Ed ora è il momento del quilting con i filati precedentemente scelti! Procedete molto lentamente. Aggiungete un pezzetto di ovatta di cotone per riprodurre la scorza del frutto.

Terminate il quilting. Io personalmente scelgo sempre il motivo dei ciottoli per la frutta.

B-craft-tut-1842

Terminato il quilting, tagliate il tutto nella dimensione esatta della cartolina (di nuovo, utilizzo il mio template/cornice per questo passaggio).

B-craft-tut-1847

Con l’aiuto del template di cartone, si dà al lavoro la dimensione esatta di una cartolina (10 x 15 cm).

Preparate ora un pezzo di tessuto di cotone liscio per il retro della cartolina, un pezzo di carta di supporto e un po’ di fliselina termoadesiva.

B-craft-tut-1851.jpg

Materiale per la realizzazione del retro – cartolina.

Posizionate la cartolina sulla carta di supporto con l’immagine rivolta verso il basso, copritela con un pezzo di fliselina e stirate con ferro caldo. Lasciate raffreddare, tagliate i bordi in eccesso ed infine rimuovete la carta dal retro della cartolina.

Posizionate ora sul retro della cartolina il pezzo di tessuto liscio precedentemente preparato, stirate con ferro caldo, lasciate raffreddare e tagliate i bordi in eccesso.

Abbiamo quasi finito… L’ultimissimo passaggio consiste nel fissare i bordi della cartolina con il punto zigzag… Et voilà!

B-craft-tut-1866

Zigzag a macchina lungo i bordi della cartolina.

 

… E ora che sapete “come si fa”…

Non avete più scuse per esimervi dal fantastico Summer Contest 2018 organizzato proprio da Karolina!

Vi ricordiamo che è possibile concorrere fino al 2 settembre 2018 con un numero massimo di 3 cartoline. Il regolamento completo in lingua italiana è disponibile qui.

Buon Lavoro e…

Buon divertimento!