Dal cotone grezzo ai filati e tessuti

Ben ritrovati! Oggi avremo il piacere di condurvi con noi in un viaggio alla scoperta delle origini del settore tessile in Italia e di mostrarvi da vicino alcuni stupendi esemplari di telai e macchinari d’epoca che testimoniano l’evoluzione nei secoli delle operazioni di filatura, tessitura e finissaggio.

Per farlo, ci siamo recati al Museo del Tessile e della Tradizione Industriale di Busto Arsizio che sorge a pochi chilometri (circa mezzora di macchina) dal nostro stabilimento Aurifil. Un luogo di indiscutibile interesse culturale, ad ingresso libero, che vi incoraggiamo a visitare e che, ne siamo certi, vi affascinerà!

P_20180526_162933

Istituito il 30 gennaio 1997 con lo scopo di raccogliere, conservare e valorizzare oggetti, macchine, prodotti e documenti riferiti all’industria tessile locale, il Museo ha sede nell’edificio neogotico che ospitava il reparto filatura del Cotonificio Carlo Ottolini (poi Bustese).

 

La filatura è il processo che porta alla trasformazione in filato del cotone in fiocco come giunge dai luoghi d’origine. Le fasi necessarie alla preparazione del filo sono:

  • L’apertura e la pulizia dei fiocchi di cotone – Il cotone ricevuto viene verificato, i fiocchi sono poi aperti e grossolanamente puliti dalle eventuali impurità (semi, scorze, ecc.) dagli apritoi e battitoi. Segue una seconda fase di apertura e pulizia più approfondita (si opera sulle singole fibre) grazie alle carde e alle pettinatrici; si formano i cosiddetti “nastri”.
  • Disposizione delle fibre, allungamento e spessore – I nastri sono resi più uniformi dalla stiratura e dall’accoppiamento operato dagli stiratoi. Il materiale è ulteriormente raffinato mediante ripetuti passaggi ai banchi a fusi, i fili subiscono poi una prima leggera torsione provvisoria grazie ai lucignoli.
  • Filatura – Dopo aver subito un ultimo stiramento, i fili subiscono la definitiva torsione grazie ai cd. rings. Il filato così trattato ha acquistato la necessaria solidità ed elasticità indispensabile per essere o direttamente tessuto o ulteriormente accoppiato, ritorto ed impaccato, allo scopo di ottenere filati impiegati per particolari lavorazioni.

Nella prima sala del Museo sono esposti antichi attrezzi usati sia nelle case sia nelle industrie tessili: alcuni filatoi manuali di uso domestico, una spolatrice, una roccatrice ed una dipanatrice bifrontale.

P_20180526_163537

Roccatrice tipo “G M” ad avvolgimento indiretto.  La macchina è costituita da un’incastellatura molto semplice e possiede 2 fronti di lavoro di 5 teste ciascuno. Ogni elemento di roccatura è formato da un tamburo scanalato, da un supporto inferiore del filo da stracannare, da un organo superiore di avvolgimento, costituito solitamente da un tubetto in legno che gira per frizione sul tamburo, supportato da una forcella con la possibilità di innalzamento continuo progressivo all’aumentare del diametro della rocca. La scanalatura obliqua dei tamburi in lega d’alluminio funge da guidafilo e consente di ottenere rocche di 5″ di altezza di forma cilindrica o troncoconica, di peso variabile in funzione della loro utilizzazione; la confezione su tubetto in legno di rocche dure è riservata alla successiva lavorazione di ORDITURA oppure alla SPOLATURA. Questo tipo di macchina viene impiegata per confezionare in rocca filati di tipo cotoniero e laniero nonchè filati misti ad eccezione della seta e dei fili artificiali e sintetici.  Le velocità di roccatura vengono scelte in relazione al tipo di filato in lavorazione e possono variare da 80 a 160m/min spostando manualmente, a macchina ferma, le cinghie di trasmissione sulle pulegge a gradini (motore elettrico-albero dei tamburi). Tali spostamenti modificano i rapporti di trasmissione e quindi la velocità periferica dei tamburi sui quali per frizione appoggia e gira la rocca in formazione, con distribuzione incrociata del filato.

P_20180526_163705

Dipanatrice bifrontale di matasse di cotone in genere con 12 teste o fusi (6 per ogni fronte). Modello TRV 105 costruita negli anni ’53/54 dalla Tessilmeccanica Lombarda di Missaglia (Como). Adatta per confezionare rocchelloni conici con flange a bassa velocità. I rocchelloni vengono comandati lateralmente da una puleggia di frizione e puleggina sul fusello di rotazione.

P_20180526_163848

Filatoio manuale con la grande ruota. E’ certamente uno strumento antichissimo usato dall’uomo per ottenere filati grossolani e anche sottili, utilizzando fibre tessili vegetali e animali. Su un basamento di legno, una grande ruota è collegata tramite una funicella alla noce del fuso, il quale è obbligato a girare velocemete per l’enorme rapporto di trasmissione esistente, alla pur minima rotazione della ruota. La parte più importante del dispositivo è rappresentata quindi dal fuso orizzontale, lungo qualche decina di centimetri, avente duplice funzione: dapprima, torcere le fibre tessili preordinate secondo la lunghezza, prendendole da un ammasso informe, per formare il filato; in seguito, raccogliere o incannare, possibilmente a forma di spola, il tratto di filato formato.

 

Il primitivo sistema di formazione del filo era completamente manuale e consisteva semplicemente nel far girare sulla coscia la materia da filare. In seguito furono introdotti il fuso e l’aspo, strumenti semplici ma efficaci, tanto da essere ampiamente utilizzati ancora nel secolo scorso dalle nostre filatrici domestiche. Nel XVIII secolo si sperimentarono i primi sistemi meccanici che aprirono la  strada alla lavorazione industriale moderna.

P_20180526_164209

Copsatrice. Funzionamento della macchina: i fusi sono disposti in orizzontale e la loro rotazione unitamente ad un tastatore conico di spessore e ad un elemento zettatore per ogni testa della macchina costruiscono sul fuso metallico di sezione esagonale il cops, che è simile ad una spola, priva del tubetto di sostegno del filato, da inserire in navette speciali per telai semplici, ossia senza alcun automatismo.

 

Nella seconda sala del Museo sono esposte le macchine utilizzate per la tessitura ed il finissaggio.

Si inizia con due telai a mano in legno di tipo famigliare risalenti alla prima metà dell’Ottocento, si prosegue con i primi telai meccanici ed i successivi telai con lancio a spada e a frusta della navetta, come il Platt Brothers & C. del 1869, fino ad arrivare al telaio industriale per i tessuti pesanti dei primi del Novecento.

P_20180526_164414

Telaio a mano antico per tessere la tela.
Seduto su una rudimentale panca il tessitore aziona con i piedi le calcole per la selezione dei fili verticali, mentre con il movimento coordinato di braccia e mani muove alternativamente la cassa battente infilando ad ogni fase (passo) un filo orizzontale di trama.

 

P_20180526_164437

Telaio a mano antico per tessere la tela, dettaglio. Esso è formato da un’incastellatura robusta di legno in cui si trovano gli organi essenziali: il subbio con avvolti i fili – il portafili – le verghe – i licci che vincolano singolarmente i fili nelle magli secondo un certo ordine (1, 2, 3, 4) – la pedaliera per il sollevamento dei licci – la cassa battente con il pettine – il cilindro tirapezza avvolgitore del tessuto.

 

Questi primi telai erano usati nelle abitazioni contadine e funzionavano grazie alla sola forza dell’uomo: con la mano veniva lanciata la navetta, mentre con i piedi si manovravano i pedali (calcoli).

Nel 1733 venne brevettato dall’inglese John Kay un sistema di lancio della navetta che sostituì l’intervento del tessitore in questa operazione.

P_20180526_164625

Telaio a mano in legno. Fine XIX secolo. | dono in memoria di Ambrogio Candiani – Busto Arsizio, 2009.

 

Successivamente, il telaio fu completamente meccanizzato, anche se la presenza del tessitore rimaneva necessaria per la messa in movimento del macchinario, la sostituzione della spola nella navetta e l’intervento in caso di rottura dei fili.

 

P_20180526_164552

Telaio industriale in legno per nastri. | Dono dott. Luigi Giavini – Busto Arsizio. Su un telaio montato con la macchina jacquard, i licci e 8 tramatori (ossia 8 differenti qualità di trama che si possono impiegare) si ottengono tantissimi intrecci per la decorazione dei nastri. Le trame supplementari, che concorrono alla formazione del nastro, possono entrare a fare corpo con il tessuto di fondo per conferirgli consistenza e pesantezza oppure, ad eccezione di quella di fondo, le trame supplementari concorrono solo alla formazione dell’effetto di disegno (spolinato) senza doverle disporre su tutta l’altezza del nastro.

 

Il finissaggio è il complesso delle operazioni atte ad accrescere il valore e la qualità di un tessuto. La più importante è sempre stata l’applicazione dell’appretto che doveva essere come “… una specie di toilette destinata a rendere la merce più presentabile”. Gli appretti nelle produzioni di tipo industriale erano stesi sul tessuto mediante uno o più passaggi tra due cilindri, asciugati e di solito lasciati condizionare in ambienti umidi. Per rendere il tessuto più lucido e morbido era poi necessario un passaggio attraverso il mangano (beetle) e la calandra, macchinari progettati per questo specifico compito.

Presso il Museo spicca per dimensioni ed importanza il grande Beetle, un tipo di mangano utilizzato per la prima volta in Irlanda per la produzione dei tessuti di lino. Dal 1850 cominciò il suo impiego per i tessuti di cotone riscontrando un crescente successo. Tutti gli stabilimenti di finissaggio di una certa dimensione lo ebbero in dotazione.

P_20180526_171029

Mangano per finissaggio (Beetle). | Dono Rag. Narciso Ceriotti / Ditta AGI-Castellanza.

Il funzionamento del Beetle è semplice: il tessuto viene arrotolato su un grosso cilindro e su di esso sono fatti cadere 36 martelli di legno molto duro e sovente con guarnizioni interne di piombo che, rompendo e ripianando le fibre, conferiscono alla stoffa una morbidezza e lucidità particolari. Nei primi beetle il cilindro con il tessuto era azionato a mano, poi meccanicamente, poi si costruirono beetle con due cilindri in modo da arrotolare il tessuto da trattare durante l’operazione stessa (senza quindi fermarsi). Dai 60 colpi/minuto si giunse a beetle perfezionati a 450 colpi/minuto, tant’è che in dialetto bustocco queste macchine erano comunemente chiamate “òrgan” e si è perfino affermato il detto “éssi sut’al batiö” che significa “essere bastonato dalle avversità”.

___________________________________________________________________________________

Vi va di proseguire questo viaggio nel tempo con noi? Continuate a seguirci!

Nei prossimi approfondimenti dedicati osserveremo da vicino il funzionamento delle macchine jacquard (e non solo!) e percorreremo insieme la lunga via della seta!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...